l Rotary Club Cortefranca Rovato intende promuovere la tematica sulla violenza, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento, attraverso gruppi di studio e interventi di esperti anche a livello nazionale, al fine di studiare ed elaborare soluzioni articolate nei diversi settori: legislativo, culturale, tecnico e pratico.
Al progetto è stato dato il titolo: “The World Of Violence” ed è stato studiato un logo che seguirà tutto il percorso del progetto.“Tutto il materiale elaborato – informa una nota – verrà raccolto, ordinato e catalogato, al fine di realizzarne la pubblicazione in opuscoli mensili, tavole rotonde, con format televisivi, eventi artistici, filmati in streaming/trailer pubblicati su vari canali disponibili su web o emittenti televisive aderenti al progetto. Il progetto dovrà raggiungere soggetti di tutte le età, pertanto le pubblicazioni saranno studiate e promosse in varie forme artistiche: letterarie, teatrali, televisive e radiofoniche, nonché a mezzo web”.“Siamo inoltre orgogliosi di comunicare – prosegue il documento – che, grazie alla collaborazione con Roberta Morelli assessore alle Politiche giovanili e pari opportunità del Comune di Brescia provvederemo all’installazione sul territorio comunale di 10 ‘panchine rosse’, simbolo di rifiuto della violenza nei confronti delle donne. Da questa collaborazione è nata l’idea di posare una ‘panchina rossa’ anche all’interno del Tribunale. Quindi il presidente del Rotary Club Cortefranca Rovato, Paolo Curti, ha preso contatti con il presidente del Tribunale di Brescia, Vittorio Masia, che ringraziamo molto per la sensibilità ed attenzione al nostro lavoro. E’ già in fase di studio il progetto per la “panchina rossa” nel Palazzo di Giustizia di Brescia”.“Una prima parte del progetto, quello dedicato alle scuole, ha già avuto inizio in questo mese di novembre con l’intervento presso l’Istituto Cossali di Orzinuovi, alla presenza di numerose classi del quarto e quinto anno, di Maria Giovanna Farina, filosofa, che si è occupata della violenza di genere intitolando il suo intervento: A scuola insieme contro la violenza. L’incontro ha avuto come oggetto. l’analisi e la prevenzione della violenza di genere per comprendere quanto la violenza possa essere presente in tutte le nostre relazioni quotidiane”.“Chiara Grazioli, notaio, si è invece occupata di spiegare ai giovani come la violenza di genere possa perpetrarsi anche traverso la violenza economica, spiegando come questa possa essere posta in essere e come possa essere prevenuta ed arginata, mediante la conoscenza semplici di istituti giuridici. Mentre Patrizia Ghizzoni Curti, avvocato, è intervenuta sempre presso l’Istituto affrontando un tema particolarmente attuale per gli adolescenti: ‘Il Bullismo ed il Cyber bullismo’, portando all’attenzione dei giovani non solo al fenomeno e alle conseguenze giuridiche, ma anche ad esempi concreti, per far capire che certi comportamenti non possono essere sottovalutati in quanto vanno ad interagire con la vita tanto dei bulli quanto delle vittime”.A gennaio il progetto del Rotary Club Cortefranca Rovato affronterà la tematica delle carceri in collaborazione con la Compagnia Lyria, mentre a febbraio verrà realizzato un incontro in assemblea pubblica sulla tematica della “Violenza Stradale”. Altro tema di rilevo che verrà trattato sarà quello legato al rapporto tra violenza e nutrizione, argomento poco conosciuto, ma di grande importanza. Si parlerà anche della violenza nei luoghi di lavoro. Sono in fase di definizione una serie di progetti artistici: spettacolo teatrale, spot televisivi e radiofonici inerenti le varie tematiche del progetto.Rotary Club Còrtefrànca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *